Nel 2017 ci siamo concentrati sulle azioni e i progetti a diretto contatto con le persone, proseguendo sulla linea della strategia triennale che ha caratterizzato il lavoro di comunicazione e di marketing degli ultimi anni. Fulcro del nostro interesse sono i punti di vendita dove le persone possono trovare i prodotti certificati e dove, attraverso l’impiego di personale preparato, riusciamo a trasmettere a tu per tu il valore di Fairtrade e le storie che si nascondono dietro i prodotti che le persone possono trovare a scaffale.

La Grande Sfida

Nel 2017 abbiamo confermato l’adesione alla campagna Internazionale World Fairtrade Challenge (la Grande Sfida Fairtrade) raggiungendo più di 100 eventi in tutta Italia tra bar e colazioni private. Ci siamo piazzati al nono posto nella competizione internazionale tra 20 paesi, coinvolgendo alcune delle torrefazioni del nostro circuito e consegnando alla Caffetteria Goppion di Piazza delle erbe a Padova il titolo di Fairtrade Best Bar. Buon successo anche per la prima edizione di un concorso fotografico che ha premiato con prodotti Fairtrade le 20 foto più belle realizzate durante gli eventi privati della campagna.

Le Settimane Fairtrade

Grazie alla collaborazione con Coop e Carrefour, nel 2017 abbiamo toccato quota 170 punti vendita nei weekend delle Settimane Fairtrade (14-29 ottobre), raggiungendo 27 mila persone con le nostre informazioni. Una grossa mano è arrivata dalle reti dei soci Coop: nelle Settimane Fairtrade, oltre alle collaborazioni consolidate con il circuito del Consorzio Nordovest (Novacoop, Coop Liguria, Coop Lombardia), altri gruppi si sono mobilitati in Unicoop Firenze, Alleanza 3.0 e Unicoop Tirreno organizzando banchetti di degustazione e assaggi.

Insieme alle Università

Prosegue il nostro impegno anche sul fronte del coinvolgimento delle Università: testimonianze durante i corsi universitari (Tor Vergata a Roma, Ca’ Foscari a Venezia, Cattolica a Milano) e progetti di ricerca (Università degli Studi di Milano). Nel 2017 abbiamo realizzato anche il primo workshop per studenti universitari che ha visto la partecipazione di ragazzi provenienti da diversi atenei: si è trattato di una giornata di approfondimento sugli Standard Fairtrade con una testimonianza aziendale. Il coinvolgimento di associazioni e gruppi di studenti ha portato alla realizzazione anche di due eventi organizzati dagli studenti nell’ambito della Fairtrade Challenge.

ADVOCACY PER IL RICONOSCI MENTO DEL COMMERCIO EQUO

Abbiamo consolidato la partecipazione ad alcuni importanti tavoli di lavoro ministeriali: la revisione dei Criteri Ambientali Minimi negli acquisti pubblici per la ristorazione collettiva, come quello del Ministero dell’Ambiente per la revisione. Siamo stati parte dei gruppi di lavoro del Ministero degli Affari Esteri, per definire nuove modalità e nuovi soggetti della Cooperazione Internazionale. Insieme alle altre organizzazioni di commercio equo, abbiamo supportato l’iter parlamentare della proposta di legge per la promozione del commercio equo in Italia, che purtroppo non ha ottenuto l’approvazione definitiva del Senato prima dello scioglimento delle Camere. Importanti progressi li abbiamo ottenuti sul fronte della Riforma del Terzo settore, che riconosce il commercio equo come nuova forma di impresa sociale. Si sono tenute anche quest’anno le Colazioni Fair Trade al Parlamento Europeo, momento di discussione su commercio equo e obiettivi di sviluppo sostenibile.

13